Riflettori sul dollaro con la pubblicazione dei NFP nel pomeriggio

Attenzione ai movimenti del biglietto verde anche se la decisione della FED di rialzare i tassi sembra scontata

bg_janet_yellen_1433803
Fonte Bloomberg

Ieri i riflettori erano puntati sulla moneta unica con le scelte della BCE di politica monetaria. Il Consiglio Direttivo dell’istituto di Francoforte ha comunicato di aver deciso di tagliare di 10 punti base i tassi sui depositi, portandoli quindi ulteriormente in territorio negativo al -0,30%. Decisione non particolarmente aggressiva tenendo conto che le attese erano fissate su un range compreso tra i 10 e 20 punti base.

Draghi ha, inoltre, annunciato il rafforzamento del piano di quantitative easing, estendendo la scadenza del piano da settembre 2016 a marzo 2017 (ed oltre se necessario) e allargando gli acquisti comprendendo anche le emissioni degli enti locali/regionali.

Troppo poco per le attese del mercato che aveva scontato anche un incremento in termini di ammontare degli acquisti mensili oltre i 60 miliardi di euro attuali. Crediamo che la discussione all’interno del Consiglio Direttivo sia stata particolarmente accesa e le misure annunciate ieri hanno confermato come l’opposizione dei falchi (guidati dal numero uno della Bundesbank, Jens Weidmann) sia particolarmente agguerrita.

Oggi i riflettori sono puntati sul dollaro poichè l’US Bureau of Labor Statistics pubblicherà le cifre sui non farm payrolls e il tasso di disoccupazione di novembre. Non ci aspettiamo la stessa volatilità di ieri. Ormai, dopo le recenti dichiarazioni dei membri votanti del FOMC, la Federal Reserve sembra vincolata a rialzare i tassi d’interesse già nel prossimo meeting del 15-16 dicembre proprio per dare un segnale di forza ai mercati e ristabilizzare il sistema.

Sul cambio eurodollaro dopo lo spike rialzista che aveva portato il cambio fino a 1,0980 oggi siamo scesi sotto 1,09. Ci aspettiamo che il cambio EURUSD, nelle prossime settimane, possa tornare a scendere gradualmente sulla scia delle aspettative degli operatori sulle divergenti politiche monetarie da parte delle rispettive banche centrali. La BCE manterrà la propria “stance” accomodante ancora per un prolungato periodo di tempo, la FED, gradualmente, rialzerà i tassi d’interesse.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.