Regno Unito: i "Brexit Bulldog" si dimettono, e adesso?

Le dimissioni di Davis e Johnson aprono di nuovo il dibattito sulla Brexit nel Regno Unito

bg theresa may brexit UK prime minister
Fonte: Bloomberg

Le dimissioni del ministro della Brexit, David Davis, e quelle di ieri del ministro degli esteri, il vulcanico Boris Johnson, hanno diminuito notevolmente il consenso e il clima di fiducia che il premier aveva pensato di aver conquistato dopo il vertice di Chequers dei giorni scorsi. Nella residenza di campagna del Primo Ministro nella contea del Buckinghamshire, la May era riuscita a strappare un accordo in 12 punti per portare avanti un approccio “soft” nelle trattative con l’Unione Europea.

L’uscita di David Davis ha portato uno scontato effetto domino con l’inizio di una gara per avere la leadership dei Conservatori. Tutti i riflettori erano puntati su Boris Johnson, leader degli Euroscettici, silente nelle ultime ore nonostante le dimissioni di David Davis. Dopo una lunga discussione tra Johnson e il suo staff di consiglieri politici l’ex sindaco di Londra ha scelto di dare anche lui le dimissioni mettendo ancora più pressioni a Theresa May.

Il Primo Ministro May sta così per affrontare una delle sfide più difficili da quando si è insediata come capo del Governo del Regno Unito.

David Davis è stato già sostituito da un altro Brexiteer, Dominic Raab. La May sembra, al momento, ancora mantenere il sostegno degli altri ministri in modo da potere proseguire con un approccio sulla Brexit molto “soft”.

Riteniamo tuttavia che l’uscita di Boris Johnson sia una vera e propria sfida alla leadership di Theresa May. Boris Johnson è stato uno dei promotori del fronte “Leave” durante il referendum del 2016. I timori degli investitori sono fissati su una possibile crisi di Governo (altri ministri “Brexiteer” potrebbero uscire dal Governo) e l’annuncio di nuove elezioni.

La May si trova così a fronteggiare tensioni interne (rivolta dei brexiteers capitanati da Boris Johnson e opposizione dei laburisti) ma anche tensioni esterne. Un’ altra sfida di Theresa May sarà quella di far accettare il nuovo piano all’UE attraverso i negoziati. Il piano presenta infatti ancora una serie di problemi, non da ultimo il fatto che esso implichi una qualche forma di accordo simile a quelli già stipulati con Norvegia e Svizzera, e l'Unione Europea non è proprio entusiasta di nessuno di questi “deal”.

Anche adesso non si può escludere nulla, anche un mancato accordo. Il governo olandese continua a reclutare funzionari doganali in preparazione dello scenario peggiore. Ma scommettere su un possibile “Armageddon” non è mai stata la migliore strategia. La crisi dell'eurozona ci ha insegnato che l'Unione europea è molto brava nel concordare un compromesso all'ultimo minuto.

Dobbiamo tuttavia prepararci a ulteriori turbolenze nei prossimi mesi.

 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Misura del rischio

    Tutti gli investimenti finanziari comportano un certo livello di rischio. Scoprite come proteggere il vostro portafoglio valutando i rischi da affrontare e gestendo con attenzione la vostra esposizione.

  • Partecipanti del mercato

    La vendita allo scoperto consente ai trader di ottenere un profitto in un mercato ribassista o di proteggere gli investimenti esistenti. Scoprite come e perché la vendita allo scoperto può diventare il componente chiave di una strategia di trading equilibrata.

  • Prezzi e ponderazione

    Scoprite la finalità degli indici azionari e come questi vengono elaborati. Imparate come ottenere una posizione su questi mercati volatili avvalendovi di uno dei prodotti di trading più diffusi al mondo.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.