PIL USA e FOMC osservati speciali

Gli investitori terranno l'attenzione rivolta ai dati sulla crescita del 1° trimestre e al comunicato del FOMC di questa sera.

bg_factory_1357913
Fonte: Bloomberg

Sebbene il mercato stia già prezzando un rallentamento del Pil a +1% annualizzato contro il +2,2% del trimestre precedente, non possiamo escludere una lettura peggiore delle attese.
Queste figure finiranno direttamente sul tavolo dei governatori della Fed e condizioneranno il comunicato del FOMC di questa sera.


Se il Pil dovessero risultare più debole del previsto e se dalla Fed dovesse trasparire una maggiore apertura al rialzo dei tassi a giugno, il mercato potrebbe reagire molto male.
Al di là del mero ritocco dei tassi, il mercato potrebbe essere spaventato da un eventuale accelerazione del ritmo di rialzo quando i dati macro torneranno a rafforzarsi.


Grande volatilità è attesa anche sul dollaro. L'importanza della seduta odierna potrebbe essere in grado di dare la spinta necessaria al cambio Eur/Usd per rompere la resistenza collocata a 1,1050. Questa eventualità aprirebbe a una fase di congestione intorno all'1,14 che potrebbe durare a lungo.


Anche il cambio Usd/Jpy potrebbe tornare a mettere pressione ai minimi di aprile a 118,50. Il livello successivo rimane a 118,30, bottom di marzo. Solo un cedimento di tale target aprirebbe a un affondo verso 117 e poi in area 116-115,85, minimi da inizio anno. Sarà questo il supporto strategico al di sotto del quale l'impalcatura rialzista messa in piedi da ottobre scorso inizierebbe a vacillare. Tentativi di rimbalzo vedono la prima resistenza collocata a 119,40, massimi di inizio settimana. Oltre questo livello, il cambio potrebbe arrivare sino a 120 e 120,80.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.