Piazza Affari rimbalza sui minimi da un anno

Provano a dare seguito al rimbalzo le borse europee in scia al forte recupero del greggio e alle parole di Draghi.

Mario_Draghi
Fonte: Bloomberg

Sembra essere tornato il sereno sui mercati finanziari dopo le parole di Draghi di ieri e il rimbalzo del greggio. Tra le sale operative fa ancora eco la dichiarazione di Draghi secondo cui a marzo "sarà necessario rivedere la politica monetaria e possibilmente modificarla" alla luce dei recenti movimenti del petrolio e ai crescenti rischi emersi. Un concetto questo che ha trovato maggiore enfasi quando Draghi al termine del suo discorso ha affermato detto "non ci arrendiamo" ("we don't give up"), che ha richiamato alla mente il famoso "whatever it takes" di luglio 2012.


Saranno sufficienti tali parole? Probabilmente no, o almeno solo la Bce non sarà in grado di riportare la calma sui mercati. Occorre che anche la Fed riveda la sua politica monetaria, eliminando i rialzi dei tassi previsti per quest'anno. E poi ci sono anche la PBOC e la Bank of Japan. Il concerto delle manovre delle Banche centrali dovrebbe essere sufficiente ad attenuare i timori di un nuovo crollo dei mercati e dare spazio a un graduale recupero.


Sin dove potrebbe arrivare il Ftse Mib? Una prima resistenza passa per i 19.500 punti. Oltre questo livello potrebbe crearsi i presupposti per allungare verso i 20.400 punti, massimi delle ultime due settimane. A nostro avviso solo un superamento di questa resistenza potrebbe allontanare il pericolo di nuovi imminenti cali e aprire la strada per una chiusura del gap down lasciato aperto a inizio anno a 21.400 punti. Lo scetticismo è ancora molto elevato, pertanto a questi livelli le vendite potrebbero tornare a prevalere.


Indicazione ribassiste si avrebbero con un ritorno sotto 19.000 punti, con primo target 17.850 punti, supporto di questa ottava che coincide con i minimi di gennaio 2015. Il cedimento di questo target sarebbe di brutto auspicio e potrebbe portare a un'estensione dei cali sino a 15 mila punti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.