Petrolio in calo su fine conflitto in Yemen

Il greggio è sceso ai minimi da una settimana dopo che l'Arabia Saudita ha fatto sapere che l'operazione militare nello Yemen è terminata.

bg_oil_barrels_1422243
Fonte: Bloomberg

Nel comunicato si legge che l'operazione ha avuto successo ed è stata in grado di limitare l'uso di armi pesanti nel Paese.
La notizia ha stemperato le recenti tensioni affiorate in Medio Oriente e ha ricevuto il plauso di tutti gli altri Paesi, tra cui l'Iran.
In questo contesto più disteso, a soffrire è soprattutto il petrolio. Il Brent è sceso così ai minimi da una settimana, arrivando in area 61,40 dollari/barile.
Per ora questo movimento può essere inquadrato ancora come una fase correttiva dopo i recenti rialzi. La performance di aprile rimane ancora saldamente positiva (+10%).
Il cedimento della prima area di supporto collocata a 62 dollari potrebbe aprire a un affondo più marcato verso 60,40 dollari. Solo un cedimento di questo livello potrebbe aprire a affondo più marcato verso 58,50. Indicazioni rialziste arriverebbero solo un riposizionamento sopra 62 dollari. Il primo target rimane a 63,50 dollari e poi 65 dollari, top della scorsa settimana e livelli che non si vedevano da dicembre scorso.
 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.