Pericoli Emergenti, valute sotto pressione in vista rialzo tassi FED

Aggiornano i minimi pluriennali molte valute dei Paesi Emergenti vs il biglietto verde in vista di un rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve.

cina china
fonte: Bloomberg

I dati statunitensi migliori delle attese di ieri, tra cui l'indice ISM, hanno rafforzato la view di un rialzo dei tassi da parte della Fed. La lettura che ne è stata data è stata amplificata dalle parole del governatore della Fed di Atlanta del giorno precedente, il quale si è mostrato abbastanza convinto sul possibile ritocco dei tassi già a settembre.


Gli acquisti sul biglietto verde sono proseguiti per tutto il pomeriggio e la notte, con molte valute emergenti che sono finite sotto pressione. Il rialzo dei tassi della Fed richiama negli Usa i capitali degli investitori attualmente dislocati nei Paesi Emergenti. Il deflusso di investimenti da queste aree penalizza ulteriormente le valute di tali Paesi.


Nella notte il cambio tra il biglietto verde e il real brasiliano ha aggiornato i nuovi massimi dal marzo 2003, mentre quello verso il rand sudafricano ha toccato i livelli che non si vedevano dalla fine del 2001. Peggio di tutti fanno le valute del sud est asiatico che risentono anche delle incertezze dell'economia cinese. Il ringgit malese e la rupia indonesiana sono ai minimi dalla crisi del 1998 contro il dollaro.


Il forte deprezzamento delle valute locali accresce ora i timori su un'inflazione galoppante. Le Banche centrali di questi Paesi si trovano ora di fronte a un problema importante. Da un lato dovrebbero procedere con dei rialzi dei tassi di interesse per scongiurare questi timori sull'inflazione, fornendo un supporto alle valute nazionali, dall'altro dovrebbero tagliare ulteriormente i tassi per rilanciare l'economia ed evitare di andare incontro a un deterioramento della crescita. La soluzione non è semplice.

Probabilmente le Banche centrali preferiranno inizialmente di tagliare i tassi di interesse, sperando anche in una ripresa di quota dell'economia cinese dopo il recente rallentamento.

Certo è che il dollaro continuerà a rafforzarsi verso queste valute e probabilmente andremo a rivisitare i massimi storici.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.