NPL: Bce e Commissione Ue a confronto

Dopo il testo della Commissione europea di ieri, questa mattina è stata la Bce ad alzare il velo sul nuovo Addendum sugli NPL.

Mario_Draghi
Fonte: Bloomberg

Dopo la proposta della Commissione europea di ieri, oggi è stata la volta della Bce, che ha presentato il nuovo Addendum sui crediti deteriorati (Non Performing Loans, NPLs). Le differenze tra le due proposte non sono tante e proabilmente verrà trovato un compromesso. Di seguito i tratti più interessanti che le contraddistinguono.

Stock soggetto alle nuove norme 
Secondo la proposta della Commissione europea, le norme riguarderanno solo i crediti erogati a partire dal 14 marzo 2018, mentre il testo della Bce prevede che siano soggetti alle nuove misure tutti i crediti che diventeranno deteriorati a partire dal 1° aprile prossimo. Una differenza sicuramente non di poco conto e quella che di certo più impatta suigli istituti di credito italiani, alle prese con importante masse di crediti in sofferenza e che potrebbero diventare presto non performing.

Tempi per la copertura totale
Mentre per i crediti non garantiti, entrambi i testi contemplano la possibilità di raggiungere la copertura totale entro i due anni, sui crediti garantiti (corredati da garanzia reale) la Bce prevede un tempo massimo di 7 anni per raggiungere il 100%, contro gli 8 anni della Commissione europea. Un aspetto secondario che non riteniamo possa fare la differenza.

Modalità copertura
Le modalità di copertura sono sostanzialmente diverse, almeno per i crediti garantiti. In merito, la Commissione Ue prevede un approccio progressivo (5% il primo anno, 10%, 17%, 27%, 40%, 55%, 75% e 100% per gli anni successivi), mentre la Bce prevede che vengano coperti a partire dal terzo anno (40%, 55%, 70% 85% e 100%), una novità che compensa l'approccio più duro deciso sullo stock oggetto di queste misure (punto 1). Per i crediti non garantiti, la Commissione Ue prevede svalutazioni del 35% per il primo anno e 100% il secondo, mentre la Bce prevede il 100% entro i due anni, senza ulteriori specificazioni.

La Bce ha comunque precisato che si tratta di linee guida non vincolanti e che le decisioni verranno discusse con i singoli istituti con cadenza almeno annuale. Una vittoria questa per il Parlamento europeo come ha dichiarato il presidente, Antonio Tajani, sottolineando che sarà la Commissione a legiferare in merito.

Giudichiamo l'approccio della Bce sicuramente più morbido rispetto ad ottobre scorso. Il punto più spinoso rimane quello dei crediti che saranno soggetti a queste nuove linee guida, mentre Francoforte si è dimostrata più aperta sulle modalità di copertura per i crediti garantiti, prevedendo un "periodo di grazia" di tre anno.

La reazione sul mercato dei titoli bancari è stata piuttosto contrastata, probabilmente perché il mercato riconosce questo approccio della Bce.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.