Nikkei al test dei massimi da inizio anno

L’indice principale giapponese ha chiuso le contrattazioni ufficiali a 16.374 punti, massimi degli ultimi 7 anni. 

bg_japan_stocks_1389390
Fonte: Bloomberg

A livello intraday, l’indice ha testato più volte i massimi d'inizio anno a 16.400 punti. Lo yen debole, soprattutto verso dollaro, ha portato gli investitori a puntare sulle imprese nipponiche maggiormente volte all’export.

Nelle ultime sedute, un po’ tutto il mercato è dominato dal biglietto verde (mercato dollaro centrico). Non solo l’equity, ma anche il comparto commodity risente di questa forza del dollaro.

Dal punto di vista tecnico, l’eventuale superamento del Nikkei di area 16.400 punti potrebbe alimentare rialzi prima verso 17.550 punti, top di aprile 2006 e di ottobre 2007, e poi verso 18.300 punti, doppio massimo di febbraio e luglio 2007. Eventuali pull back potrebbero aprire a una discesa verso 15.800 punti, massimi estivi. Questo scenario rimane in essere fintanto che il mercato resiste sopra la trend line che congiunge i minimi crescenti degli ultimi 18 mesi e che parte dai picchi di marzo 2012. Solo un cedimento di questo target potrebbe indebolire il quadro grafico e portare l’indice verso area 14.650 punti.

Japan 225 Cash (-)

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.