La Fed tiene fuori gli artigli e snobba i dati macro

La Banca centrale ha confermato di portare avanti la sua politica di rialzo tassi e lancia piano per riduzione del bilancio.

bg_us_trader_1465267
Fonte: Bloomberg

Tira dritto la Federal Reserve, che non si lascia influenzare dai recenti dati macro deludenti e rivede al rialzo le stime sulla crescita per l'anno in corso. La Banca centrale nel suo comunicato di politica monetaria ha alzato i tassi d'interesse di 25 punti base, portandoli a 1-1,25% come ampiamente atteso e allo stesso tempo ha rivisto le stime sulla crescita e sull'inflazione per l'anno in corso, lasciando invariate quelle per i prossimi anni.

Secondo l'Istituto, il Pil dovrebbe crescere del 2,2% nel 2017 contro il 2,1% precedentemente stimato, mentre il tasso d'inflazione è stato abbassato tra l'1,6-1,7% dall'1,8-2% stimato a marzo. Nonostante l'inflazione stia dando segnali di rallentamento, la Fed ha confermato che nel medio periodo dovrebbe rimanere poco sotto il 2%.

In ottica prospettica, la Fed ha sostanzilamente confermato il terzo rialzo dei tassi previsto per l'anno (probabilmente a settembre), non lasciandosi troppo influenzare dalla recente debolezza dei dati. Inoltre, entro l'anno sarà avviato il piano di riduzione del suo bilancio 4.500 miliardi di dollari, il cui ritmo inizialmente sarà di 10 miliardi al mese (di cui 6 di Treasury e 4 di MBS) e sarà aumentato di 10 miliardi ogni tre mesi, così da portarlo dopo un anno a 50 miliardi al mese.

La nostra impressione è che i recenti dati non siano troppo brutti da sconvolgere i piani della Banca centrale al momento. Solo un peggioramento delle figure potrebbe spingere la Fed a fare un passo indietro sulla sua politica monetaria. L'ostinazione della Fed di ieri, però, sembra aver iniziato a innervosire qualche operatore, che si aspettava toni più soft.

Il dollaro ha cercato di recuperare il terreno perso nelle ultime sedute, mentre il rendimento sui Treasury a lunga scadenza è sceso in maniera considerevole, lanciando segnali di flattening (appiattimento) della curva, che inizia a incorporare crescita più bassa e inflazione debole.

Wall Street non si è scomposta più di tanto, con il Dow Jones che ha chiuso addirittura in territorio positivo. Crediamo che gli investitori possano lasciarsi andare alle vendite già oggi se i dati sugli indici manifatturieri e la produzione industriale dovessero risultare peggiori delle attese.

Il Dollar Index, che ieri era scivolato a 96 punti, minimi dall'elezione di Trump, ha recuperato post comunicato Fed, spingendosi al ridosso di 97 punti.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Tipologie di ordine

    Imparate come aprire e chiudere una posizione, scegliendo tra la semplice contrattazione immediata e le istruzioni impartite automaticamente per negoziare in vostra assenza. Gli ordini possono aiutarvi ad assicurarvi dei profitti o a proteggervi dalle perdite: scopritene i vari tipi e guardate come utilizzarli.

  • Limiti

    Imparate come aprire e chiudere una posizione, scegliendo tra la semplice contrattazione immediata e le istruzioni impartite automaticamente per negoziare in vostra assenza. Gli ordini possono aiutarvi ad assicurarvi dei profitti o a proteggervi dalle perdite: scopritene i vari tipi e guardate come utilizzarli.

  • Introduzione alla leva finanziaria

    Imparate come utilizzare la leva finanziaria per ottenere una maggiore esposizione sul mercato a fronte di un esborso iniziale relativamente contenuto. Spiegheremo quanto sia importante utilizzarla con cautela, poiché se da una parte può amplificare i vostri profitti dall'altra può comportare un incremento del vostro rischio di perdita.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.