La corsa dell’euro sul dollaro si ferma dopo deludenti indici PMI

Dopo aver toccato in mattinata un massimo intraday a 1,3823, picco degli ultimi due anni, l’eur/usd ha mostrato una flessione in scia alla pubblicazione di deludenti indici PMI in Germania, Francia e Zona Euro

In Germania l’indice PMI manifatturiero si è attestato a 51,5 (consensus 51,5) e quello dei servizi a 52,3 (aspettative a 53,7).

In Francia forte discesa degli indici PMI. L’indice manifatturiero è sceso a 49,4 da 49,8 (consensus 50,1), quello dei servizi a 50,2 da 51 (consensus 51,3).

Nella Zona Euro secondo la stima flash di ottobre, l’Indice PMI Composito della produzione ha mostrato una flessione a 51,5 dal valore massimo su 27 mesi  di settembre (52,2). Le nostre attese erano fissate per un valore pari a 52,5.  

Dal punto di vista tecnico la correzione del cambio euro/dollaro puo’ essere considerata fisiologica dopo la forte accelerazione rialzista mostrata in settimana che ha portato i principali oscillatori in una situazione di ipercomprato. Discese fino a 1,37 resterebbero compatibili con l’ipotesi di realizzazione di un ulteriore segmento rialzista in grado di attaccare gli obiettivi posizionati a 1,3835 (ultimo dei ritracciamenti di Fibonacci della discesa dai top di maggio 2011 e proiezione dell'ampiezza della fascia orizzontale registrata nelle ultime 4 settimane) e 1,3970 (bottom del maggio 2011).Conferme per tali prospettive grafiche arriveranno con la perentoria vittoria di 1,3823. Discorso diverso invece in caso di violazione al ribasso del supporto a 1,37 preludio a una possibile discesa a 1,3650.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.