Iran: accordo sul nucleare raggiunto, Israele accusa l’occidente

Dopo innumerevoli sedute di trattative si è riusciti a trovare un accordo in mattinata a Vienna per il progetto nucleare in Iran

bg_nuclear_cooling_tower_1371389
Fonte Bloomberg

Le 6 grandi potenze mondiali (Russia, Stati Uniti, Cina, Francia, Gran Bretagna e la Germania) hanno firmato un compromesso con il Governo di Teheran per rimuovere le sanzioni economiche in cambio di uno stretto monitoraggio del programma nucleare nel paese del medio-oriente. Secondo le indiscrezioni ispettori dell’ONU avranno accesso ai siti nucleari iraniani per vigilare sui progetti in corso. Le visite dovranno essere richieste al Governo di Teheran con anticipo. Non viene così accolta la richiesta statunitense di ispezioni “no notice” (senza notificarle prima).

Le sanzioni in campo militare rimangono in vigore. L’embargo di armi convenzionali resterà attivo per 5 anni e quello sulla tecnologia dei missili balistici per altri 8 anni. Le sanzioni economiche saranno sollevate ma potrebbero essere reintrodotte dopo 65 giorni se l’Iran dovesse violare gli accordi. Il compromesso sul nucleare deve ancora ricevere l’approvazione del Congresso USA e del Parlamento iraniano.

Grande deluso di tale intesa è Israele. Il viceministro degli Esteri israeliano ha affermato che le potenze occidentali hanno deciso di arrendersi alle richieste iraniane che aumenterà la propria egemonia nel medio-oriente.

I prezzi petroliferi evidenziano un forte ribasso e tornano a puntare i minimi del mese in corso (WTI a 50,60 dollari al barile, Brent a 55,10 dollari al barile). L’eliminazione delle sanzioni economiche porterà l’Iran a riversare le proprie scorte di greggio sui mercati, aumentando l’offerta e alimentando così ulteriormente l’oversupply. Riteniamo che i prezzi possano scendere ulteriormente nelle prossime settimane.  

 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.