Google si trasforma in Alphabet

Da oggi al Nasdaq non troveremo più Google ma Alphabet

bg_google_1356411
Fonte Bloomberg

Il colosso tech californiano ha deciso di riorganizzarsi conglomerando tutte le proprie attività nella nuova holding Alphabet Inc. L’amministratore delegato sarà il cofondatore di Google Larry Page. Al Nasdaq non cambieranno i ticker delle azioni Google che resteranno GOOG e GOOGL (per le azioni di classe A e C).

Google (che comprende il motore di ricerca, Youtube e Android) sarà una divisione di Alphabet con CEO l’indiano Sundar Pichai (celebre per il lancio del browser Chrome).

Le altre divisioni di Alphabet saranno Google X (progetti di ricerca in vari settori), Google Ventures (start-up), Google Capital (fondo di venture capital), Google Fiber (fibra per banda larga e televisione via cavo), Calico (biotech), Nest Labs (prodotti “smart” per la casa).

Crediamo che nel medio/lungo termine la riorganizzazione delle attività del gigante tech possa avere un effetto positivo sui prezzi.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.