Gbp/Aud mette pressione alla resistenza a 1,6980

Mette pressione ai massimi dell’ultima settimana il cambio tra la sterlina e l’aussie dopo i brutti dati che sono arrivati dal mercato del lavoro australiano nella notte. 

Il numero degli occupati a tempo pieno ad ottobre sono scesi di quasi 28 mila unità. Si tratta del peggior dato da giugno 2012. A questo punto gli investitori sembrano puntare su un possibile taglio dei tassi da parte della Banca centrale australiana dopo il nulla di fatto nel meeting di martedì scorso. Negli ultimi verbali infatti non sono mancati riferimenti a un ulteriore ammorbidimento della politica monetaria se le condizioni sul mercato dovessero richiederlo. L’aussie ha perso terreno nella notte verso le principali valute, sterlina inclusa. Dal punto di vista tecnico, il cross Gbp/Aud è tornato a mettere pressione all’area 1,6980, top di fine ottobre. Un superamento di tale resistenza potrebbe segnalare la fine della fase correttiva partita sui massimi di settembre e proiettare le quotazioni verso i massimi di inizio ottobre, a 1,7420. Conferme di tale prospettive grafiche arriverebbero solo con il superamento dell’area 1,71-1,7120, ultimo dei ritracciamenti di Fibonacci nella discesa avviata a fine settembre. Segnali di cedimento arriverebbero invece con la discesa sotto 1,6860, minimo di ieri al di sotto del quale la caduta potrebbe prendere il largo verso 1,6830 e infine verso 1,6760, bottom di inizio settimana.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.