FtseMib, prosegue il rimbalzo

Proseguono gli acquisti sui mercati europei dopo la buona performance di Wall Street.

bg_italy_flag_1493347
Fonte: Bloomberg

Partenza sprint per le piazze finanziarie europee che danno seguito al recupero dopo il buon movimento di ieri. Il forte risk on che si sta riversando sulle borse è dovuto per lo più a fattori tecnici. Gli investitori, infatti, stanno cercando di riposizionarsi dopo le vendite violente che hanno caratterizzato l'ultima parte della scorsa ottava. Le di prese di profitto erano in qualche modo necessarie per poter ripartire con maggiore forza in vista della fine dell'anno. Molti operatori che erano rimasti fuori dal rally di ottobre, non vogliono rischiare di rimanere fuori dall'eventuale balzo atteso per la fine dell'anno. Oltre che i fattori tecnici, anche le aspettative di un atteggiamento ultra accomodante della Bce a dicembre favorisce il clima di risk on sui mercati.


Nonostante il buon recupero di questo inizio di settimana, ancora non possiamo definirci fuori pericolo. Crediamo che questa ottava possa essere ancora dettata dall'incertezza. Dalla prossima settimana il quadro potrebbe essere più definito.

Sul fronte macro, oggi l'attenzione degli investitori sarà concentrata sull'indice ZEW sulla fiducia degli investitori tedeschi di novembre. Il dato dovrebbe arrestare la sequenza di sei cali consecutivi e tornare a salire dopo l'atteggiamento accomodante annunciato da Draghi a fine ottobre. Nel pomeriggio saranno poi i dati Usa ad animare la seduta. Gli investitori si concentreranno sull'inflazione e sulla produzione industriale. Questi dati andranno ad affinare le probabilità di iun rialzo dei tassi da parte della Fed a dicembre.

Dal punto di vista tecnico, il Ftse Mib questa mattina è tornato a riposizionarsi sopra l'area di 22 mila punti. La prima resistenza passa per 22.100 punti, livello su cui il mercato si è creato un supporto tra ottobre e novembre e che è stato già testato questa mattina.


Solo un superamento di tale riferimento getterebbe le basi per un allungo verso 22.600 punti, picchi allineati di novembre. La resistena più interessante rimane collocata a sui massimi di ottobre, a 22.830 punti.


Il primo supporto passa per i minimi della mattinata, a 21.970 punti. Solo un cedimento di questo livello potrebbe determinare una sensibile perdita di spinta con l'indice proiettato verso i 21.700 punti. Il livello strategico più interessante passa per 21.550, dove rimane aperto il gap down da agosto. Difficile immaginare al momento un riposizionamento sotto tale livello.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.