Ftse Mib alla prova dei minimi di luglio

Rimane sotto pressione il Ftse Mib dopo il debole Pmi manifatturiero di luglio. 

bg_italian_stock_exchange_1362026
Fonte: Bloomberg

Il dato si è attestato a 51,9 punti, il valore più basso degli ultimi 8 mesi. Il calo è dipeso da un rallentamento della crescita della produzione, dei nuovi ordini e dell’occupazione. Anche le figure europee non ha brillato, rimanendo sui valori minimi degli ultimi 7 mesi, a quota 51,8 punti. Qualche spiraglio è arrivato dalla Germania, mentre la Francia si conferma essere uno dei paesi con il peggior ritmo di contrazione.

Le indicazioni non entusiasmanti dei Pmi stanno penalizzando la prima parte della seduta in Europa. Ora gli operatori sposteranno l’attenzione ai non farm payrolls in agenda alle 14.30. Solo dei dati sotto le attese potrebbero stemperare l'aspettativa di un rialzo dei tassi da parte della Fed.

Dal punto di vista tecnico, l’indice, dopo aver fallito il ritorno sopra la trend line rialzista di lungo periodo la scorsa settimana, ha ripreso a scendere sino ad arrivare questa mattina sull’area di supporto interessante a 20.300 - 20.260 punti, dove passa la media mobile a 200 giorni e livelli minimi di luglio.

Il cedimento di questo supporto aprirebbe a un allungo prima verso area 20.000 – 19.950 mila punti, bottom di maggio, e poi verso 19.500 punti, massimi allineati di ottobre scorso. Al contrario, il rimbalzo dai livelli attuali potrebbe riportare le quotazioni verso 20.600 punti.

Italy 40 Cash (-)

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.