Ftse Mib, correzione non ancora finita

Ancora una seduta difficile per gli indici europei che non hanno apprezzato le figure preliminari sugli indici PMI della zona euro.

bg_data_trader_850722
Fonte: Bloomberg

Secondo la stima flash di aprile l'indice composito è sceso a 53,5 punti contro i 54 di marzo, complice un rallentamento sia del comparto terziario che di quello manifatturiero.
A distanza di un mese dalla partenza del QE, l'entusiasmo tra i direttori d'acquisto sembra essersi ridimensionato.
In realtà, crediamo che i recenti cali siano imputabili per lo più a una fase molto volatile che i mercati stanno attraversando in vista dei prossimi dati Usa importanti e dell'evoluzione della crisi greca. 
Anche il nostro indice, reduce da una performance importante (+21%), ora sta attraversando una fase di correzione. Non ci dobbiamo stupire pertanto se le vendite sono violente. Nel medio lungo periodo l'impostazione rimane rialzista.
Dal punto di vista tecnico, il mercato sta testando ora i minimi dell'ultima settimana, a 22.950 punti.
Il supporto successivo passa per 22.650 punti, minimi del 26 marzo e primo ritracciamento di Fibonacci nell'ascesa partita dai minimi del 2015. Solo una perforazione di tale riferimento potrebbe aprire a un affondo verso 22.250 punti e poi a 21.750. Quest'ultimo è livello al di sotto del quale il mercato potrebbe subire una sensibile perdita di spinta.
Indicazioni rialziste si avrebbero con il superamento di area 23.400-23.430 punti. Il primo target rimane in questo caso a 23.750 punti e poi a 24 mila punti, top di aprile.
 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.