Ftse 100, i livelli da monitorare in attesa del voto in Scozia

E’ appena iniziata una settimana densa di appuntamenti chiave sui mercati. Dal meeting della Fed al referendum scozzese, senza dimenticare la prima asta TLtro della Bce.

bg_london_1247853
Fonte: Bloomberg

Questi eventi dovrebbero portare un deciso ritorno della volatilità sui mercati finanziari di tutto il mondo, con impatti rilevanti su tutte le asset class (equity, valute, bond e commodity).

Tra le borse che potrebbero finire maggiormente sotto pressione ci sarà sicuramente il Ftse 100 di Londra. Giovedì, all’indomani delle decisioni della Fed, gli investitori volgeranno lo sguardo al referendum che si terrà sull’indipendenza scozzese. Una vittoria dei “SI” dovrebbe appesantire il principale indice azionario della City, mentre i “NO” dovrebbero in qualche modo mantenere il Ftse 100 agganciato alla performance degli altri indici mondiali. Nonostante lo scoop dei sondaggi della scorsa settimana, abbiamo ragione di credere che la Scozia rimarrà legata al Regno Unito, con un compromesso politico che sarà trovato in extremis.

Dal punto di vista tecnico, il Ftse 100 nelle ultime sedute si è allontanato rapidamente dai massimi degli ultimi 15 anni (a 6.900 pt) toccati il 4 settembre. Il primo livello di supporto rimane a 6.760 punti (secondo dei ritracciamenti di Fibonacci nell’ascesa partita ad agosto), al di sotto del quale si assisterebbe a uno scivolone verso 6.650 punti e poi in area 6.530-6.500 punti, minimi da marzo scorso. Sarebbe questo un livello importante che scongiurerebbe un test alla trend line che congiunge i minimi crescenti dal 2009, in transito ora a 6.400 punti, e al di sotto del quale le prospettive rialziste di lungo periodo inizierebbero a vacillare. Indicazioni rialziste arriverebbero solo con un superamento di area 6.820 punti, al di sopra del quale si potrebbe prospettare un ritorno verso 6.900 punti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.