FCA: il 2018 è l'ultimo anno sotto la guida di Marchionne

Cosa succederà a FCA nel post Marchionne? Prospettive sul gruppo automobilistico 

bg_maserati_1387145
Fonte Bloomberg

FCA ha iniziato il 2018 con una partenza a Piazza Affari in rosso per recuperare terreno nel corso della seduta. Il ribasso iniziale era legato più che altro alle deboli immatricolazioni pubblicate in Francia che avevano appesantito tutto il settore automotive europeo. Anche il forte apprezzamento del cambio eurodollaro aveva contribuito alle vendite. Ricordiamo, inoltre, che stasera (dopo la chiusura dei mercati) saranno annunciate le immatricolazioni in Italia di dicembre.

In una ottica di medio periodo FCA rimane tra i nostri titoli preferiti. Nei primi mesi dell’anno l’amministratore delegato Sergio Marchionne comunicherà il nuovo e tanto atteso piano industriale quinquennale con elevate probabilità di conoscere il futuro di Alfa Romeo e Maserati, nuovi dettagli sugli spin off di Magneti Marelli e Comau e inoltre la forte spinta del Lingotto sui SUV (per soddisfare le richieste della clientela nazionale e internazionale). Senza dimenticare l’impegno per ridurre l’indebitamento e aumentare i flussi di cassa, obiettivi già raggiunti nello scorso piano industriale che hanno portato l’agenzia Fitch ad aumentare il rating sul gruppo (da BB- a BB con outlook positivo).

Marchionne darà quindi le linee guida per i prossimi cinque anni ma nella primavera 2019 lascerà la guida della casa automobilistica torinese (ad aprile all’approvazione del bilancio 2018). Molti investitori sono già preoccupati per il futuro di FCA nel post Marchionne. Impazzano in rete sui social media ma anche sulla carta stampata le voci sui possibili successori con maggiori probabilità per una soluzione interna (Alfredo Altavilla, numero uno delle attività in Europa, Richard Palmer, CFO, e Mike Manley, capo di Jeep).

Crediamo tuttavia che sia ancora troppo lontana la data dell’uscita di Marchionne per influenzare i movimenti di FCA in Borsa. Riteniamo che sarà soprattutto a fine 2018 che la corsa alla successione potrebbe portare forte volatilità sull’andamento delle azioni.

Nello scenario di medio/breve periodo manteniamo le nostre prospettive rialziste su FCA con un obiettivo a tre mesi a 16,50 e a 12 mesi a 19 euro.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.