FCA: debole dopo contrastati dati sulle immatricolazioni

In attesa di conoscere gli sviluppi della guerra commerciale il titolo non riesce a recuperare il terreno perso nel mese di giugno

bg_factory_1357913

Rimane debole FCA che non riesce a sfruttare il buon dato sulle immatricolazioni negli Stati Uniti in Giugno, +8% su base annuale rispetto alle stime del consensus fissate su un +7,4%. Ottimo il risultato di Jeep +19%, bene anche Ram e Dodge, in forte difficoltà invece Chrysler -32%. Il dato americano positivo cerca di compensare le deludenti cifre sulle immatricolazioni in Italia, -19,3% a giugno dopo la decisione del gruppo di dare precedenza alle vendite ai clienti privati rispetto agli altri canali.

Dati industriali in chiaroscuro in attesa di conoscere gli sviluppi della guerra commerciale. FCA ha limitato i danni rispetto alle case automobilistiche tedesche (BMW, Daimler e Volkswagen) che accusano più delle altre le minacce dell’amministrazione Trump.

Da un punto di vista tecnico i prezzi di FCA si sono avvicinati a 15,60 euro importante supporto di medio periodo. La tenuta di tale livello potrebbe spingere i corsi a mostrare un rimbalzo con primo obiettivo a 17,50. Attenzione invece che l’eventuale violazione al ribasso dello strategico sostegno potrebbe comportare una caduta rovinosa con primo target a 14 euro.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.