Europa apprezza accordo CDU-CSU, ma non è ancora finita

Le borse europee recuperano dopo i cali di ieri grazie all'accordo tra Angela Merkel e Horst Seehofer, ma rimangono molti dubbi.

bg_angela_merkel_1525063
Fonte: Bloomberg

Provano a recuperare il terreno perso ieri le borse europee, dopo l'accordo tra la CDU di Angela Merkel e la CSU di Horst Seehofer sul tema dell'immigrazione. Nonostante l'intesa raggiunta, rimangono molti dubbi sui dettagli dell'accordo che prevedrebbe che i profughi facciano domanda nel primo Paese di approdo in Europa. Questo limiterebbe notevolmente i flussi secondari, con gli immigrati che verrebbero trattenuti nelle cosiddette "zone di transito" vicino ai confini. A questo punto sono attese le risposte di Austria e Italia a riguardo. Se la Germania mette fine all'instabilità interna, i problemi passano ora all'Europa.

La reazione dei mercati sembra giustificare, quindi, un cauto ottimismo tra gli operatori, con i principali indici che guadagnano meno di un punto percentuale. É pur vero che gli operatori sono concentrati sul tema dei dazi, che la notte scorsa ha visto Trump minacciare il WTO, se dovesse esserci una disparità di trattamento nei confronti degli USA. Intanto, si avvicina la data del 6 luglio quando partiranno i primi dazi diretti contro la Cina. Un aspetto questo che continua a mettere pressione allo yuan, che contro dollaro è arrivato nella notte a 6,7.

L'incertezza rimane altissima quindi e il Dax è tutt'altro che fuori pericolo. L'indice rimane sotto i massimi dell'ultima settimana a 12.440 punti, con tre test importanti al supporto di 12.130 punti. Qui rimane aperto un gap up rialzista che potrebbe aprire diretttamente a un ritorno verso 12.000 punti. Il vero target è a 11.720 punti, minimi annuali che potrebbero essere raggiunti anche violentemente in caso di discesa sotto 12.100. al rialzo solo un superamento di 12.450 metterebbe temporaneamente fuori pericolo il Dax.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.