Euro/Dollaro in cerca di riscatto

Il cambio reagisce sul supporto di 1,0520 e ritorna sopra 1,06.

bg_eurusd_713880
Fonte: Bloomberg

Forte reazione del cambio Euro/Dollaro ieri sera dopo esser sceso ai minimi da oltre un mese. I dati macro migliori delle attese arrivati dall'economia statunitense (soprattutto inflazione e vendite al dettaglio) sembrano aver amplificato la portata delle dichiarazioni della Yellen sulla necessità di considerare un rialzo dei tassi già a marzo. Dopo i dati, infatti, la probabilità di un rialzo dei tassi a marzo incorporata nei Fed Funds Future ha superato per la prima volta il 30% e il trend potrebbe continuare a crescere man mano che ci avviciniamo al meeting del 14 e 15 marzo.

Dopo un tentativo di iniziale apprezzamento, il biglietto verde ha perso spinta e le vendite sono riaffiorate. La nostra interpretazione è che sul mercato si siano affacciate un po' di prese di profitto, visto che la divisa statunitense era reduce da 11 sedute consecutive di apprezzamento (serie record da maggio 2012).

Crediamo che la volatilità sul cambio EUR/USD possa rimanere molto alta, nonostante il trend di lungo periodo rimanga ribassista e punti alla parità.

Dal punto di vista grafico, la reazione del cambio è stata tale da superare anche la trend line ribassista che l'ha guidato nel calo in atto da inizio mese, arrivando al test del secondo ritracciamento di Fibonacci nella discesa recente.

Il livello successivo passa per 1,0675, dove passa il 50% di Fibonacci sopra citato, nonché la trend line che congiunge i minimi di fine gennaio. Oltre tale livello si creerebbero i presupposti per arrivare anche a 1,0710, massimi di giovedì scorso.

Indicazioni ribassiste si avrebbero con un ritorno sotto 1,0590.

eurodolaro_16

Indicazioni di debolezza si avrebbero con un ritorno sotto 1,0590, con estensione della flessione verso 1,0520, supporto strategico di breve periodo.

Solo un cedimento di tale riferimento potrebbe riaprire l'opportunità di una discesa importante verso i minimi di inizio anno, a 1,0340.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.