Eur/Usd diviso tra Draghi e Trump

Cerca di difendere i recenti rialzi il cambio Eur/Usd a poche ore dalla conferenza stampa di Draghi.

Mario_Draghi

Resiste in area 1,06 il cambio EUR/USD in attesa di Draghi. Sebbene non siano attese novità di rilievo da questo appuntamento, gli operatori rimangono concentrati sulle considerazioni che potrebbero emergere sul fronte inflazione. La sensibile accelerazione dei prezzi al consumo di dicembre potrebbe essere utilizzata dai falchi come pretesto per rivedere il piano di QE, modificato nella riunione di dicembre.

Draghi probabilmente si difenderà rimarcando la natura transitoria del dato e sulla stagionalità (consumi legati alle festività natalizie), precisando che serviranno maggiori evidenze prima di rivedere il piano di acquisto asset. Ad ogni modo, riteniamo altamente improbabile che il piano venga rivisto prima dell’estate e ogni eventuale modifica possa riguardare l’ammontare degli acquisti mensili. Potrebbe essere immaginabile una riduzione degli acquisti a 40 miliardi di euro al mese (dai 60 attualmente previsti fino a fine dicembre) per la seconda metà dell’anno (forse l’ultimo trimestre) se le pressioni inflattive dovessero continuare a salire.

L’attesa rimane alta anche dall’altra sponda dell’Atlantico, in vista dell’insediamento di Trump di domani. Gli operatori sono ansiosi di vedere se Trump manterrà le promesse fatte in termini di campagna fiscale ulta espansiva. Il mercato si è già portato molto avanti in proposito, come dimostrano il deciso rialzo dei tassi, il balzo dell’equity e il forte apprezzamento del biglietto verde.

Quest’ultimo ha corretto sensibilmente dopo che lo stesso Trump lo ha giudicato troppo forte. Neanche una Yellen più falco del solito è riuscita a spronare gli acquisti del dollaro. Ormai si preferisce attendere Trump.

Tutte queste considerazioni impatteranno sul cambio più liquido del mondo, l’eur/usd, nelle prossime ore.

Dal punto di vista grafico, il cambio ha rimbalzato sui minimi dal 2003 (a 1,0340), tornando a rivedere quota 1,0715. L’ascesa è stata smorzata dal secondo ritracciamento di Fibonacci relativo alla discesa post elezione di Trump. Qui passano anche i minimi di un anno fa. Il superamento di questo livello aprirebbe a un allungo verso 1,0820 (50% del ritracciamento sopra citato) e poi verso la trend line che congiunge i minimi di gennaio 2016 con i massimi di dicembre, che si sta dirigendo ora verso l’ultimo ritracciamento a 1,0930. Difficile immaginarsi un allungo sopra tale livello, anche se Trump dovesse deludere le attese.

La congestione in area 1,06 potrebbe proseguire, almeno fintantoché il cambio dovesse tenere 1,0575, minimi settimanali e primo ritracciamento di Fibonacci. Una rottura di tale supporto potrebbe portare a un’estensione dei cali, riaprendo la possibilità di un ritorno verso 1,03.

eurusd_1901
Fonte: piattaforma IG

La congestione in area 1,06 potrebbe proseguire, almeno fintantoché il cambio dovesse mantenersi sopra 1,0575, minimi settimanali e primo ritracciamento di Fibonacci. Una rottura di tale supporto potrebbe portare a un’estensione dei cali, riaprendo la possibilità di un ritorno verso 1,03.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.