Eur/Usd: il grande giorno della BCE, cosa farà Draghi?

Il cambio si attesta al momento poco al di sopra di 1,36, attenzione al supporto in area 1,3585

SAGET/AFP/Getty Images

Forte attesa sul cambio euro/dollaro per il meeting del Consiglio Direttivo della BCE. Oggi alle 13,45 conosceremo le decisioni del Governing Council in materia di tassi d’interesse e alle 14,30 nella conferenza stampa del governatore Mario Draghi avremo le indicazioni sulle prossime strategie monetarie dell’istituto centrale europeo. L’attesa che si è creata per l’evento è molto alta e il mercato ha già scontato che la BCE possa intervenire sui tassi (taglio del costo del denaro di 10 pb dallo 0,25% allo 0,15% e riduzione dei tassi sui depositi di 10 pb dallo 0 al -0,10%) e possa promuovere stimoli al mercato del credito. Riteniamo che nella press conference del pomeriggio Draghi possa lanciare una nuova LTRO modificata rispetto alle precedenti aste di rifinanziamento per il comparto bancario. Gli esperti economici della BCE hanno studiato da tempo le esperienze delle altre banche centrali su tali manovre (ricordiamo la Bank of Japan, la Bank of England e la Bank of Hungary) e dovrebbero proporre una LTRO che permetterebbe di concedere prestiti a tassi agevolati alle banche (ponendo limiti sull’ammontare richiesto in base a parametri legati alle capacità degli istituti di concedere prestiti alle famiglie/imprese).

Guardando il grafico dell’euro/dollaro ci possiamo accorgere immediatamente come nelle ultime settimane la volatilità è scesa sui minimi storici. L’indicatore ATR (Average True Range) sul grafico daily segna un valore pari a 45 pips. Oggi con il meeting del Governing Council la volatilità tornerà a crescere e cosi’ anche le opportunità di profitto. Dal punto di vista tecnico l’eventuale cedimento dei supporti in area 1,3585 darà forza alle pressioni ribassiste per spingere il cross a scendere verso gli obiettivi situati a 1,3475, bottom di febbraio, e 1,3380, proiezione dell’ampiezza del doppio massimo a 1,3970. Se Draghi dovesse deludere le attese e essere meno “dovish” del previsto il cambio potrebbe schizzare verso l’alto. Sopra 1,37 possibile assistere a un rialzo a 1,3775 e 1,3790 (50% del ritracciamento della discesa dai top di maggio).

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.