Eur/Jpy, Pmi arrestano rimbalzo

Rimane preda della volatilità la moneta unica questa mattina in scia alla pubblicazione dei dati sui Pmi dell’eurozona. 

Stando alle indicazioni flash, l'attività manifatturiera dell'area euro ha rallentato il ritmo di espansione, mentre i servizi hanno accelerato il passo. L’economia francese a maggio è tornata a contrarsi in tutti i settori. Anche la voce dell’occupazione ha registrato il settimo calo consecutivo. Segnali più incoraggianti sono arrivati dalla Germania, dove il dato consuntivo è rimasto in linea con quello di aprile, grazie soprattutto all’apporto positivo della componente dei servizi.

Dal punto di vista tecnico, il cambio Eur/Jpy è tornato a scendere, dopo il rimbalzo di ieri. Il cambio oscilla ora in area 139, dopo che nella notte ha testato 139,15, primo ritracciamento di Fibonacci nella discesa partita l’8 maggio scorso. Solo una perforazione di questo livello potrebbe condurre oggi a un allungo in direzione di 139,90-140. Al ribasso il supporto principale si colloca sui minimi di ieri a 138,14. Il cedimento di questo livello darebbe seguito alla fase discendente partita nelle ultime settimane, che vede come principale target i minimi annuali a 136,20-136, livello strategico di medio lungo periodo. Rimane questo il principale supporto dove potrebbe appoggiarsi il cambio in vista del meeting della Bce del 5 giugno prossimo.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.