Eur/Jpy, break out rettangolo apre a discese sotto 140

Recupera lo yen questa mattina in scia all’apertura debole dei mercati europei. 

I segnali di forza dello yen erano affiorati già ieri sera in scia alle vendite che hanno interessato Wall Street. Lo yen negli ultimi giorni era rimasto particolarmente forte sia verso euro che verso dollaro dopo, nonostante il recupero dei mercati e il clima più disteso sulle tensioni in Ucraina. Non è stata rispecchiata la canonica correlazione inversa tra la divisa nipponica e le borse. Questo perché, da un lato, permane la cautela tra gli investitori, dall’altro, perché gli esportatori nipponici in vista della chiusura dell’anno fiscale (il 31 marzo) stanno acquistando yen.

L’EUR/JPY, già ieri sera aveva provato l’uscita dal rettangolo che si è formato nelle ultime 10 sedute delimitato dall’area di 140,40 e 142. Il rimbalzo successivo si è arrestato a 141 e da qui sono tornate a prevalere le vendite. L’eventuale break out di 140,40 potrebbe portare a una sensibile accelerazione verso il supporto dinamico dettato dalla trend line rialzista che congiunge i minimi crescenti del 2013, ora in transito a 139,40. Il supporto successivo rimane per 138,80, bottom delle ultime 7 settimane. Questo supporto potrebbe reggere almeno sino al meeting della Bce del 3 aprile, salvo dati sorprendenti sull’inflazione in Germania e nell’eurozona. Al momento, solo un superamento di area 141 potrebbe allontanare temporaneamente questo scenario ribassista, ma sarà necessario superare i recenti massimi a 142 per poter mettere da parte la recente debolezza.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.