Orso ancora in attacco

A Wall Street, indici in calo dell'1,8%, ma Dow Jones prova a resistere sopra i 16 mila punti.

bg_wall_street_491880
Fonte: Bloomberg

Sembra non finire l'attacco dell'orso sui mercati. Dopo un gennaio a dir poco disastroso sui listini mondiali, febbraio sembra essere iniziato con il piedi sbagliato. Il bilancio delle prime due sedute del mese e della settimana è già seriamente compromesso. L'unica nota positiva arriva dai volumi, che sono in deciso ripiegamento dopo quelli altissimi del mese scorso.
Molti operatori continuano a chiedersi se sia finita qui, se sia il caso di tornare sull'azionario dopo i forti cali o se dobbiamo aspettare che passi la turbolenza.
La risposta va ricercata nei prezzi del greggio, che sembrano aver ripreso la discesa dopo il rimbalzo dell'ultima settimana. In questo momento il future sul WTI scadenza marzo passa di mano a 30,30 dollari/barile, lontano dai picchi di venerdi (34,50 dollari). Il greggio potrebbe rivisitare presto i minimi pluriennali toccati a gennaio, quando è scivolato a 27 dollari. Questa eventualità potrebbe aprire a nuovi cali sui listini mondiali.
Contrariamente, una stabilizzazione sopra 30 dollari potrebbe servire ai listini per dare seguito a un recupero.
Insomma, agganciare le sorti dei mercati all'andamento del prezzo del petrolio non lancia certo segnali incoraggianti.
Neanche l'azione delle Banche centrali sembra attenuare questi cali. La Bce e la BoJ si sono mostrate con le promesse e con i fatti decise a contrastare queste turbulenze sui mercati, ma gli effetti sembra essere abbastanza scarsi.
Noi continuiamo a propendere per un recupero dei mercati durante il mese di febbraio, ma teniamo sotto stretta osservazione i supporti strategici.
Il Dow Jones Industrial Average ieri sera ha terminato con un calo dell'1,8% arrestando la discesa sopra area 16.100 mila punti. A questo livello l'indice testerebbe la parte bassa del canale rialzista di brevissimo termine, delimitato dalla linea che congiunge i minimi delle ultime due settimane.
Al di sotot di tale riferimento l'indice potrebbe tornare verso il supporto strategico collocato a 15.400, minimi di gennaio e di agosto 2015. Probabilmente una ripresa di quota potrebbe esserci con un ritorno sopra 16.250 punti con primo target 16.600, massimi delle ultime 3 settimane. E' questa la resistenza strategica dove le vendite potrebbero tornare a prevalere.
 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.