Dollaro in frazionale calo dopo FED

Dollar Index scivola sotto 99 punti.

bg_us_dollar_1160343
Fonte: Bloomberg

Si indebolisce il biglietto verde verso le principali valute mondiali, all'indomani della riunione della Federal Reserve.

Dal comunicato della Banca centrale statunitense si evince che i governatori hanno preso atto delle recenti turbolenze sui mercati finanziari e del deterioramento dell'outlook globale. Nonostante tutto, la Fed continuerà la politica di rialzo dei tassi durante l’anno. La nostra impressione è che il comunicato sembra aver rispecchiato le attese senza stupire in alcuna direzione.
Dopo il comunicato sono scattate le vendite a Wall Street. Crediamo che i movimenti di ieri potrebbero essere il riflesso di un tipico sell on news (prese di profitto) dopo che nelle ultime 5 sedute gli indici Usa hanno messo a segno un balzo quasi del 5%.

Sarà importante monitorare ora le indicazioni che arriveranno dal Pil Usa del 4° trimestre, in agenda domani pomeriggio. I mercati incorporano già un rallentamento della crescita a +0,7% annualizzato dal +2% del terzo precedente. Eventuali dati peggiori delle attese potrebbero dare un sostegno alle borse e alimentare nuove vendite sul dollaro.

Nel dettaglio, il Dollar Index, che meglio sintetizza l'andamento del dollaro verso un paniere di valute mondiali, è tornato sotto 99 punti nelle ultime ore, avvicinandosi ai minimi da oltre una settimana.
Il trend rialzista delle ultime 5 settimane sembra aver trovato una forte resistenza in area 100 punti, livello avvicinato il 21 gennaio scorso. Una prosecuzione delle vendite potrebbe alimentare nuove discese sino a 98,20, ultimo ritracciamento di Fibonacci nell'ascesa delle ultime 6 settimane. Il quadro peggiorerebbe sotto questo livello. In questo caso il target si collocherebbe a 97,20, minimi di dicembre. E' questo il supporto strategico al di sotto del quale le vendite si accentuerebbero sensibilmente, con target a 94 punti.

Indicazioni rialziste si avrebbero con un superamento di 99,30. Questa eventualità potrebbe aprire a un allungo in direzione di 100 punti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.