Dollar Index vola ai massimi da aprile

L'indice, che pone il biglietto verde contro un paniere di valute, è tornato sopra quota 98,50, massimi dal 23 aprile.

bg_usd dollar united states new 9
Fonte: Bloomberg

A fare da traino alla divisa Usa sono state le parole del governatore della Fed di Atlanta e membro votante del FOMC, Dennis Lockhart, che, in un'intervista al Wall Street Journal, ha fatto sapere che la Fed è pronta ad alzare i tassi di interesse già a settembre.


Nonostante le recenti tensioni sulla Cina e il tonfo delle commodity ,che portano a una sensibile limatura delle aspettative inflattive, la Banca centrale statunitense sembra intenzionata a portare avanti questo rialzo dei tassi quasi ad ogni costo.


Ci sono dei dati in grado di portare a una revisione di tali aspettative, qualora dovessero risultare particolarmente deludenti. Al di là di quelli odierni (bilancia commerciale, stime ADP e ISM), che potrebbero solo aggiungere pressione per un ritocco dei tassi a settembre, il primo vero appuntamento sarà venerdì quando saranno rese note le cifre sul mondo del lavoro Usa. Il 27 agosto ci sarà la seconda lettura sul Pil del 2° trimestre, mentre il 4 settembre sarà la volta dei Non Farm Payrolls di agosto.

Insomma, l'ago della bilancia (come mostrato anche dai future sui Fed Funds) sembra rimanere lievemente puntato per un rialzo dei tassi di interesse.


Dal punto di vista tecnico, il dollar Index nella notte è tornato a riposizionarsi in area 98,50 punti, massimi da aprile scorso. Un allungo sopra tale livello potrebbe aprire al raggiungimento di area 100 (top di aprile) e poi a 100,80 (massimi di marzo). Se la Fed dovesse procedere con un rialzo dei tassi a settembre, l'indice potrebbe raggiungere 105 punti a fine anno.


Il primo supporto interessante rimane a 97,50 dollari, minimi di inizio settimana, e poi a 96,50, bottom della scorsa ottava. Solo il cedimento di tale riferimento potrebbe stemperare la recente pressione rialzista, aprendo a una discesa verso area 95.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.