Dollar Index alla prova dei dati e della FED

La divisa statunitense potrebbe risentire della volatilità in vista del meeting del FOMC e dei dati macro che arriveranno dagli Usa, con la Grecia che farà da sfondo a questi eventi.

bg_usd dollar united states new 4
Fonte: Bloomberg

I dati poco incoraggianti emersi la scorsa settimana hanno indebolito il biglietto verde, con gli investitori che vedono sempre più probabile un eventuale slittamento del rialzo dei tassi da parte della Fed solo in autunno.

In quest’ottica, determinante sarà la prima stima flash del Pil statunitense che sarà pubblicato il prossimo mercoledì. È attesa una decisa frenata che indebolirà ulteriormente il biglietto verde.

 

Sempre mercoledì, in serata, sarà il comunicato del FOMC a portare ulteriore volatilità sui mercati. Probabilmente le cifre deludenti che arriveranno durante il pomeriggio dal Pil potrebbero avere un certo effetto mediatico tra i governatori della Fed e aprire a un comunicato più accomodante. Probabilmente il mercato potrebbe aprire a una fase di deprezzamento accentuato del dollaro.

 

Dal punto di vista tecnico, il Dollar Index sta testando l’area di 97 punti, al di sotto della quale si avrebbe a una fase di accentuata di discesa verso 96,40, bottom di fine marzo e inizio aprile. Il supporto successivo passa per 95,50 punti, precedente resistenza a gennaio. Qui la debolezza dovrebbe arrestarsi.

Dei dati migliori delle attese sul Pil e un comunicato meno accomodante del FOMC potrebbero portare a un rafforzamento della divisa Usa. In tal caso la prima resistenza importante passa per 98,70 punti, al di sopra della quale si tornerebbe verso area 100 punti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.