Canada: vincono i liberali ma dollaro poco mosso in attesa della BoC

Pochi effetti dopo la vittoria di Trudeau alle elezioni, investitori guardano al meeting della Bank of Canada di domani

bg_cadusd_806533
Fonte Bloomberg

Nel paese nordamericano i liberali di Justin Trudeau interrompono dopo nove anni il dominio dei conservatori. Secondo le ultime proiezioni il partito liberale sarebbe riuscito a ottenere la maggioranza assoluta dei seggi nel Parlamento di Ottawa, battendo clamorosamente il favorito Stephen Harper.

La reazione sui mercati valutari è stata al momento molto limitata. Il dollaro canadese (il “loonie”) ha, infatti, evidenziato una leggera debolezza nei confronti di euro, sterlina e dollaro statunitense. Crediamo che molti operatori abbiano deciso di attendere l’importante riunione del Consiglio Direttivo della Bank of Canada (BoC) prima di decidere quale posizione assumere sulla valuta.

Il Governing Council guidato dall’economista Stephen Poloz dovrebbe lasciare i tassi invariati. Nelle proiezioni economiche che saranno annunciate domani si dovrebbe notare una ripresa della crescita delle attività economiche in Canada dopo un primo semestre in recessione. Crediamo tuttavia che il toni della Commissione Operativa saranno “dovish” sulla scia delle incertezze relative all’andamento della crescita globale e sui dubbi in merito all’economia statunitense (principale partner commerciale del Canada).

Nella prima metà di ottobre il dollaro canadese era riuscito a recuperare cinque punti percentuali nei confronti del dollaro statunitense passando da 1,3450 a 1,2830. Nelle ultime sessioni il loonie è tornato debole e il cambio USDCAD è risalito al di sopra di 1,30. L’eventuale superamento della resistenza di breve a 1,3080 getterebbe la basi per un allungo in direzione degli obiettivi situati a 1,3145 e 1,3220, 50% e 61,8% del ritracciamento di Fibonacci della discesa dai picchi annuali, ultimi ostacoli da oltrepassare per poter puntare a 1,3460. Discorso diverso, invece, in caso di cedimento dello strategico livello di 1,2840, preludio per una probabile caduta verso i target ipotizzabili a 1,2690.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.