Borse faticano a correggere in attesa dei volumi

Le prese di profitto piuttosto limitate in un contesto di scambi ancora limitati.

bg_frankfurt_financial_district_1530935
Fonte: Bloomberg

Provano a prendere fiato i listini europei, dopo la corsa delle ultime settimane. Seppur i volumi rimangono piuttosto contenuti e allineati alla media di periodo, le prese di profitto rimangono contenute. Gli investitori non sembrano temere che il rally, partito a novembre, sia terminato qui e preferiscono rimanere in posizione in attesa di maggiori sviluppi.

A sostenere il mercato in questa fase sembrano essere i dati macro, tutti moderatamente migliori delle attese degli operatori. Gli indici PMI arrivati da Cina, Europa e USA hanno sorpreso in positivo, segnalando a dicembre un’attività economica in rafforzamento un po’ su tutti i fronti.

Segnali incoraggianti sono arrivati anche dall’inflazione, che a dicembre ha accelerato nell’area euro, sino a raggiungere i livelli che non si vedevano da oltre 3 anni. Il dato sui prezzi al consumo ha stupito un po’ tutti, a tal punto da spingere più di qualcuno, come il capo dell’istituto IFO, Clemens Fuest, a ritenere che la Bce dovrebbe terminare il proprio QE già a marzo prossimo (e non a dicembre come annunciato il mese scorso) se i dati macro dovessero continuare a essere incoraggianti.

Considerazioni queste troppo premature, a nostro avviso, dato che gran parte dell’accelerazione dell’inflazione è imputabile a fattori di carattere temporaneo (corsa ai consumi natalizi) e dai prezzi delle materie prime (energetiche in particolare) in forte risalita in scia all'effetto Trump.

Non riteniamo verosimile al momento che la Bce, a distanza solo di un mese dalla revisione del QE, faccia marcia indietro. Probabilmente se la tendenza di dati macro positivi dovesse protarsi per tutto il primo semestre e se il petrolio dovesse superare stabilmente i 60 dollari/barile, qualche modifica in termini di ammontare e durata potrebbe esserci nell'ultimo trimestre dell’anno.

Tornando ai mercati, il quadro rimane rialzista, anche se qualche correzione è in vista dopo un rally così importante. Sul Germany 30, il primo supporto passa a 11.400 punti, livello su cui si è appoggiato più volte nel corso delle ultime due settimane. I livelli successivi sono collocati a 11.150 punti, supporto a metà dicembre e secondo livello di Fibonacci nell’ascesa dell’ultimo mese, e a 11.000 punti, 50% del ritracciamento suddetto. Un cedimento sotto tale riferimento porterebbe a una sensibile perdita di spinta con target 10.830-10.800 punti, resistenza che ha ostacolato l’indice da agosto a dicembre e ultimo ritracciamento di Fibonacci. Il supporto qui è strategico nel medio periodo e potrebbe portare a una pericolosa discesa.

Ger30
Fonte: Piattaforma IG

Un eventuale rimbalzo sopra area 11 mila punti potrebbe aprire a un ritorno di forza, con obiettivi collocati a 12.000 e 12.400 punti, quest'ultimo massimo storico toccato ad aprile 2015.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti. Se sei già cliente, effettua il login per richiederli.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.