Banche Venete, capitolo chiuso

Operatori apprezzano l'approccio risolutivo, anche se le modalità lasciano molti dubbi.

bg_milan_946092
Fonte: Bloomberg

I mercati approvano l'operazione messa in pieda dal governo e Intesa SanPaolo per l'acquisizione delle due banche venete in dissesto. Rimangono ancora dubbi sulle modalità con cui si è arrivata a una simile decisione. Dalla decisione della Bce di declassare le due banche a "on liquidation" da "on going concern" in breve tempo, a quella del governo di farsi carico di tutti i costi dell'operazione (fino a 17 miliardi di euro), molte cose non quadrano.

Le perdite saranno assorbite da obbligazionisti subordinati istituzionali (non retail) e azionisti (su tutti Atlante). Nessun impatto sul retail ad ogni livello e grado (obbligazionisti senior, obbligazionisti subordinati e depositanti). Il resto sarà a carico dei contribuenti. Ad Intesa SanPaolo verranno trasferiti gli attivi e la parte ancora in bonis del passivo.

L'impalcatura è molto simile a quella utilizzata per Banco Popular, con la differenza che Santander ha messo in piedi un aumento di capitale da 7 miliardi per procedere con l'acquisizione.

L'unica nota positiva è che per una volta non abbiamo rimandato il problema, ma c'è stato un approccio di tipo risolutivo. Intesa, dal canto suo, aveva già perso qualcosa come 1,5 miliardi attraverso Atlante per le operazioni di salvataggio degli ultimi due anni, così come altre banche (Unicredit).

L'operazione crea dei precedenti preoccupanti e sottolinea come il bail in di fatto viene sempre evitato a favore del burden sharing. Il problema grosso rimane quello dei depositanti che non possono essere penalizzati (quelli oltre i 100 mila euro di risparmi) senza essere remunerati per questo rischio (come azionisti e obbligazionisti di vario genere).

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.