Banche piegano Piazza Affari, fanalino di coda in Europa

Il Ftse Mib ha ripreso il trend ribassista che ha caratterizzato tutto il 2016.

bg_italian_stock_exchange_883416
Fonte: Bloomberg

Chiusura in rosso per Piazza Affari con i titoli bancari ancora protagonisti in negativo. Andamento contrastato per gli altri indici europei, con il Dax che è riuscito a chiudere sopra i 12 mila punti per la prima volta da aprile 2015.

La notizia dell'appoggio del centrista, Francois Bayrou, al candidato del centro sinistra, Emmanuel Macron, alle presidenziali francesi ha ridato fiato alle borse europee che erano finite in negativo nel corso della mattinata. Anche Milano ne ha approfittato, recuperando gran parte delle perdite a un'ora dalla chiusura.

Nonostante tutto, la delicata situazione delle banche italiane tiene sotto scacco il Ftse Mib rispetto agli altri indici europei. In Europa solo il Dax sembra cercare di allineari ai continui record di Wall Street.

Da metà gennaio, infatti, il rapporto delle performance tra i due indici (FtseMib/Dax) ha ripreso la tendenza ribassista che ha caratterizzato tutto il 2016, escluso il recupero di dicembre che ha visto il Ftse Mib segnare un +13%.

Come già detto, le banche sono quelle che impattano di più su una simile performance dato che:

  1. pesano molto più sul Ftse Mib rispetto quanto fanno le banche degli altri Paesi europei sui rispettivi indici;
  2. anche nelle sedute in cui il settore è negativo in tutta Europa, le perfomance dei titoli italiani è sempre di gran lunga la peggiore vista l'incertezza che ruota attorno all'enorme massa di crediti deteriorati.  

Fintantoché la gestione dei crediti deteriorati non viene risolta in maniera incisiva e massiccia è difficile attendersi un capovolgimento di questo trend.  

ftsevsdax
Fonte: piattaforma IG

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.