Banche penalizzate da outlook incerto sui tassi e ipotesi voto anticipato

Milano la più penalizzata per via dell'ipotesi voto anticipato.

bg_italy_rome_1215079
Fonte: Bloomberg

Ancora pressioni in vendita sulle banche europee e italiane in particolare. A penalizzare il comparto potrebbe essere il contesto più incerto di rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve previsto per la seconda parte dell’anno. I recenti dati arrivati dagli Usa gettano ombre di dubbio sull’outlook dell’economia Usa e questo si è riflesso in forte flattening della curva americana sul segmento 2-10 in particolare.

Come accade di consueto, i dubbi sui prossimi rialzi dei tassi Fed penalizzano soprattutto i titoli finanziari, che approfittano dei tassi più alti per recuperare redditività sul margine d’intermediazione. È questa la principale motivazione dietro il recente calo delle quotazioni dei titoli finanziari.

Per l’Italia c’è un’incognita in più, l’ipotesi di un ritorno alle urne in autunno, un elemento questo che il mercato trascurava fino a qualche settimana fa. I titoli italiani sono finiti così sotto pressione, più degli altri competitor europei, iniziando a scontare un certo rischio politico. Si tratta di movimenti preliminari e, a dir il vero, il mercato potrebbe fare ben peggio se l’ipotesi di voto anticipato dovesse concretizzarsi.

Andando sui singoli titolo, Intesa SanPaolo oggi ha chiuso il gap rialzista lasciato aperto ad aprile, post primo turno elettorale francese. Il supporto a 2,50 euro è interessante e da qui potrebbe partire un rialzo in grado di rilanciarlo sino verso 2,63 euro. Solo un superamento di tale riferimento potrebbe allentare le recenti pressioni al ribasso.

Una discesa sotto 2,50 aprirebbe a nuovi cali. Il primo vero obiettivo è a 2,38 euro, minimi di metà aprile, dove passa anche il secondo ritracciamento di Fibonacci. Il livello successivo passa per 2,20dove si incrociano il terzo livello di Fibonacci e la trend line crescente che unisce tutti i minimi dell’ultima parte del 2016 con quelli di inizio anno. È necessario non rompere tale livello per non pregiudicare quanto fatto di buono nell’ultimo anno.

intesa1
Fonte: piattaforma IG

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.