Euro ostaggio del rischio politico

La moneta unica sempre più minacciata dalle spinte populiste che affiorano in varie aree della zona euro.

bg_euro mario draghi
Fonte: Bloomberg.

Dopo aver impattato sul mercato governativo nell'ultima settimana, le tensioni politiche da ieri hanno iniziato a influenzare anche la moneta unica. Il timore tra gli operatori sulla tenuta della zona euro sembra aver raggiunto un livello mai visto prima e la tendenza continua a peggiorare in vista delle tornate elettorali di Olanda e Francia.

In questo momento, la minaccia più concreta rimane la Francia, visti i consensi crescenti che sta raccogliendo la candidata di Front National, Marine Le Pen. Proprio la Le Pen solo qualche giorno fa ha dichiarato di voler portare il paese fuori sia dalla Ue che dalla Nato. Anche l'Italia è una mina vagante per la stabilità dell’area, dato che la probabilità di un ritorno alle urne entro giugno è molto alta. Più remoto il rischio di una vittoria dell’Afd in Germania, dove il partito social democratico (SPD) di Martin Schulz inizia a spaventare la CDU del cancelliere, Angela Merkel.

A nulla sono valse le parole del presidente della Bce, Mario Draghi, che ieri ha tentato più volte di rassicurare sulla irreversibilità dell’euro. Questi tentativi sembrano aver avuto un effetto contrario a quello sperato, dato che non fanno che confermare che i dubbi tra gli operatori sull’area euro sono concreti e in costante crescita.

La situazione sembra essere più grave rispetto al passato. Rispetto al caso Grecia, per esempio, le parti coinvolte erano istituzionali, nel dettaglio Ue-FMI-Bce. Questa volta sono i cittadini ad essere chiamati in causa e le sorprese emerse dalle urne nel solo 2016 (Brexit e Trump in primis) sono un ricordo ancora vivo. Insomma, ci sono tutti i motivi per essere preoccupati.

Se aggiungiamo, poi, le recenti dichiarazioni della Merkel di una costituzione di un’area comune a due velocità, capiamo bene quanto sia debole e instabile la zona euro.

Le vendite sull’euro sono apparse tutto sommato composte. Difatti, per ora si sta prezzando una probabilità di instabilità crescente, ma ancora molto contenuta.

Inoltre, le vendite potrebbero essere state in qualche modo stemperate anche dalla chiusura di posizioni in carry trade che caratterizzano queste fasi di flight to quality e che tendono a far apprezzare l'euro.

Dal punto di vista grafico, il cambio EUR/USD ha rotto al ribasso il canale ascendente in essere da inizio anno, portandosi ai minimi da una settimana (a 1,0655). Il supporto rotto era molto importante, dato che qui passava anche il secondo ritracciamento di Fibonacci partito dalla discesa post elezione di Trump.

A questo punto, il cambio potrebbe tentare un test al supporto debole collocato a 1,0640, dove passa la trend line che congiunge i minimi delle ultime 3 settimane. Il target più naturale è rappresentato da 1,0520, supporto che ha retto bene tra il 2015 e il 2016.

È questo l’ultimo baluardo a difesa dei minimi dal 2003, collocati a 1,0340.

eurusd_0702
Fonte: piattaforma IG

Possibili rimbalzi potrebbero riportare il cross verso il corridoio appena abbandonato (1,0720). Per un ritorno degli acquisti sarà necessario che il cambio si porti sopra 1,08, area testata invano in diverse occasioni la scorsa settimana, dove passa anche il 50% di Fibonacci sopra descritto. Il primo obiettivo, in questo caso è in area 1,0910-1,0930.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Spiegazione sulle commodities

    Quali componenti essenziali per la produzione di tutti gli altri beni, le commodities (o materie prime) sono di vitale importanza per le moderne economie. Scoprite come queste risorse naturali, volatili eppure inestimabili, si collocano nel più ampio mondo del trading.

  • Accesso diretto al mercato

    In questa sezione vi presentiamo la nostra piattaforma per il trading online, PureDeal, e vi spieghiamo i vantaggi di operare con I CFD su un vasto numero di mercati. Tratteremo anche gli Stop e i Limiti e il funzionamento del trading con i prodotti a leva.

  • Vantaggi e limitazioni

    La vendita allo scoperto consente ai trader di ottenere un profitto in un mercato ribassista o di proteggere gli investimenti esistenti. Scoprite come e perché la vendita allo scoperto può diventare il componente chiave di una strategia di trading equilibrata.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.