Oro vola ai massimi da 3 mesi su timori Usa ed Emergenti

Non si arresta la corsa l’oro, che ha aggiornato questa mattina i nuovi massimi da novembre 2013, toccando quota 1.325 dollari/oncia.

Il prezioso è vicino a chiudere la miglior performance settimanale da luglio 2013. Il rialzo è imputato, in parte, ai deludenti dati statunitensi e, in parte, agli acquisti sul bene fisico che arrivano dagli Etf. Dopo le recenti figure sui non farm payrolls di dicembre e gennaio, anche i dati sulle vendite al dettaglio e sulla produzione industriale rilasciati questa settimana lanciano evidenti segnali di rallentamento. Questi timori hanno spinto gli operatori a ridurre le aspettative di crescita nel 1° trimestre e stanno alimentando la view di una sospensione del tapering nel meeting del Fomc di marzo. I timori sugli Emergenti stanno spingendo gli Etf a riposizionarsi sul metallo prezioso dopo il forte deflusso registrato lo scorso anno. Probabilmente il flusso in uscita dai Paesi Emergenti potrebbe essere riallocato proprio in ottica cautelativa sul metallo prezioso.

 

Dal punto di vista tecnico, i segnali sono incoraggianti. L’uscita dalla trend line ribassista (che congiunge i top di febbraio con quelli di ottobre 2013) avvenuta il 24 gennaio scorso e il successivo test come supporto ha dato spazio per un allungo che questa mattina è arrivato sino a 1.325 dollari/oncia. Qui passa anche la media mobile a 200 giorni. Il superamento di questo livello getterebbe le basi per un allungo sino a 1.360 dollari. Sul grafico appare sempre più chiara una figura di doppio minimo che potrebbe segnalare una possibile inversione del trend ribassista. In proposito, sarà necessario superare i top estivi a 1.430 dollari per sperare in un recupero di quota importante. Il primo livello di supporto rimane invece a 1.280-1.275 dollari, al di sotto del quale si aprirebbe lo spazio per un test a 1.240 dollari, minimi da inizio mese

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.