Oro, mercato ragiona su ulteriore tapering

Forte discesa dell’oro dopo che ieri il metallo prezioso ha aggiornato i massimi da oltre 5 settimane arrivando a 1.260 dollari/oncia. 

Il mercato sta ragionando seriamente all’ipotesi di un ulteriore giro di vite al tapering nel meeting della Federal Reserve della prossima settimana (28-29 gennaio). Tre sarebbero i motivi a sostegno di questa ipotesi:

  1. i recenti dati macro Usa, sebbene non siano stati eccezionali, non cambiano le prospettive di crescita del paese;
  2. i governatori della Fed hanno sottolineato nelle scorse settimane la necessità di continuare a ridurre gli acquisti mensili di asset;
  3. alleggerire le pressioni sulla Yellen nel suo primo meeting di politica monetaria (a marzo) che la porrà di fronte a un board molto più aggressivo (hawkish).

Dal punto di vista grafico, il movimento al ribasso è partito dopo che ieri i prezzi hanno testato la resistenza dinamica dettata dalla trend line ribassista principale che congiunge i massimi di febbraio con quelli di ottobre 2013, in transito a 1.260 punti. Le vendite hanno riportato il metallo giallo sui minimi della scorsa settimana a 1.235 dollari/oncia. I supporti successivi rimangono ora a 1.220 punti, bottom dell’8 gennaio e poi a 1.180 dollari, doppio minimo di giugno e dicembre 2013. Al rialzo, solo un superamento dei massimi di ieri aprirebbe la strada verso area 1.290-1.300 dollari, livelli che non vede da novembre scorso.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.