Brent ai massimi da luglio 2015

Il greggio del Mar del Nord aggiorna massimi da oltre due anni a 61 dollari/barile, mentre il WTI attacca torna ai livelli di febbraio.

bg_oil_pump_7745
Fonte: Bloomberg

Si raffredda un po' la corsa del Oil - Brent Crude, che questa mattina ha aggiornato i massimi da luglio 2015, arrivando al test dei 61 dollari al barile. A fare da traino alle quotazioni sono le nuove indiscrezioni arrivate dall'Arabia Saudita e dalla Russia nel weekend che si sono dichiarate aperte a un'estensione del taglio alla produzione per altri 9 nove mesi. Una conferma è arrivata anche dal ministro dell'energia degli Emirati Arabi, Suhail al-Mazrouei, che ha confermato come una simile decisione sarà presa solo nel meeting OPEC del prossimo 30 novembre.

Il balzo dei prezzi del greggio ha interessato anche il WTI, con i prezzi che sono arrivati stamane a 54,50 dollari, picchi che non si vedevano da febbraio scorso. Nonostante ciò, lo spread con il Brent è tornato ad ampliarsi, avvicinandosi a 7 dollari, massimi da settembre. Proprio lo spread così ampio favorisce l'export dell'oro nero americano a scapito di quello europeo.

Non solo offerta. A guidare i prezzi potrebbero essere anche le nuove stime di crescita, che vedono l'attività economica di diverse regioni accelerare a ritmi che non si vedevano da diversi anni, come in Europa ad esempio.

Ad ogni modo, questa corsa del petrolio sta portando gli operatori a rivedere le stime per i prossimi mesi, con rialzi fino a 80 dollari. Siamo ancora abbastanza scettici. Al momento, ci aspettiamo che il Brent possa ritornare verso i 70 dollari al verificarsi di una serie di condizioni, tra cui:

  1. prosecuzione delle tensioni in Medio Oriente
  2. dollaro non particolarmente forte
  3. prolungamento dei tagli alla produzione di Paesi OPEC e non
  4. accelerazione dell'attività economica.

Il WTI dovrebbe proseguire a ruota posizionandosi intorno ai 65 dollari. La volatiltià sarà destinata comunque a rimanere alta.

Ricordiamo come il prezzo del petrolio sia strategico per le scelte delle Banche centrali. A tal proposito, se i prezzi dovessero stabilizzarsi sopra i 60 dollari, le prospettive inflattive potrebbero alzarsi e mettere pressione al comparto del fixed income.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.