WS da record dopo Non Farm Payrolls

I nuovi posti di lavoro nei settori non agricoli in Usa a febbraio sono saliti di 175 mila unità, contro le 150 mila attese. 

Il tasso di disoccupazione è salito al 6,7% (dal 6,6% di gennaio). Sono stati rivisti al rialzo i dati di dicembre (a +84 mila unità da +75 mila) e quelli di gennaio (a +129 mila da +113 mila). Il numero dei disoccupati di lungo periodo (senza lavoro da almeno 27 settimane) è salito di 203 mila unità, arrivando a quota 3,8 milioni di persone (circa il 37% dei disoccupati totali).

I contributi positivi al dato sono arrivati dal settore dei servizi alle imprese (+79 mila unità) e da quello alimentare (+21 mila unità). Bene anche il settore delle costruzioni (+15 mila), nonostante le condizioni meteo avverse. Male, invece, il settore informatico (-16 mila unità). La media delle ore di lavoro per settimana è sceso a 34,2. È il dato più basso degli ultimi due anni, probabilmente a causa delle condizioni meteo avverse. Il tasso di partecipazione alla forza lavoro rimasto stabile al 63%.

Sono state figure decisamente migliori delle attese quelle di febbraio, soprattutto se consideriamo che le condizioni meteo hanno avuto un qualche impatto sull’economia. È positiva anche la timida revisione al rialzo delle cifre degli ultimi due mesi. Nel complesso, l’idea che si stanno facendo in questo momento gli investitori è che con l’arrivo della primavera il mercato del lavoro tornerà ad accelerare sopra le 200 mila unità. A questo punto, le probabilità di proseguire con il tapering al ritmo di 10 miliardi di dollari diventano quasi certezze.

Dal punto di vista tecnico, l'S&P500 ha tentato l'allungo verso i nuovi massimi storici, arrivando a 1.884 punti. Il traguardo dei 1.900 punti è vicino ormai e potrebbe essere raggiunto nelle prossime sedute. Attenzione al cedimento di supporto di 1.868 punti, al di sotto del quale potremmo assistere a un affondo verso 1.835 punti, bottom dell’ultima settimana.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.