Ma dove vuole arrivare quest'Eurodollaro?

Il cambio ha aggiornato i massimi da quasi due anni, tornando a rivedere quota 1,17.

bg_eurusd_96
Fonte: Bloomberg

Euro/Dollaro inarrestabile. Il cambio più liquido del mondo si è spinto oggi sopra 1,17, livello che non vedeva dal crash del 24 agosto 2015 (quando toccò 1,1715). A dare la giusta spinta al cambio oggi sono state ancora una volta le news positive arrivate dalla zona euro e le continue incertezze sulla politica statunitense.

Nel dettaglio, stamane a sorprendere gli operatori è stata la lettura dell'indice IFO di luglio, che ha segnato inaspettatamente l'ennesimo record consecutivo grazie sia alla componente corrente che a quella prospettica. Dall'altra parte dell'Atlantico, nonostante il dato incoraggiante arrivato dalla fiducia dei consumatori di luglio (risultata ai massimi da 4 mesi), gli investitori temono una sconfitta nell'ultima chiamata per il voto della riforma all'Obamacare fortemente voluta da Trump. I numeri sono veramente ridotti e sarà presente anche il senatore McCain, nonostante le precarie condizioni di salute.

Vista la portata non solo mediatica, ma anche pratica della riforma che potrebbe togliere l'assistenza sanitaria minima a oltre 20 milioni di americani, i repubblicani sembrano essere piuttosto cauti nell'appoggiare Trump. Anche perchè su Trump pende un accusa di impeachment che se confermata potrebbe rivelarsi un pasticcio per il Partito repubblicano. Così, fintantoché non viene chiarita la posizione di Trump nel caso Russiagate, il partito repubblicano potrebbe evitare di dargli pieno appoggio.

Tornando al cambio EUR/USD, siamo già su un livello di ipercomprato da cui potrebbe partire una correzione almeno fisiologica. I primissimi livelli di supporto sono già molto distanti e si collocano in area 1,1450-1,15, precedente area di resistenza. Solo una decisa riduzione dei timori che ruotano attorno a Trump potrebbe riportare il cambio sotto tale area. Anche la Fed rimane l'osservato speciale in vista della riunione di domani da cui non sono attese variazioni all'attuale politica monetaria.

Al momento, rivediamo il target sul resto dell'anno a 1,20, dall'1,17 precedente, proprio a causa dell'elevata incertezza politica Usa. A questi livelli, il cambio potrebbe già avere un impatto considerevole sulle aziende dell'area euro che esportano principalmente negli Usa.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.