Dollaro canadese sotto pressione su protezionismo Trump

Il cambio USD/CAD è salito ai massimi da luglio scorso dopo ennesime minacce Trump sul commercio globale.

bg_cadusd_806535

Continua a deprezzarsi il dollaro canadese verso le principali valute mondiali, biglietto verde incluso. A penalizzare la divisa canadese negli ultimi giorni sono state le dichiarazioni di Trump, che ha annunciato l'introduzione di una serie di dazi sull'importazioni di acciaio e alluminio. Nonostante la risposta della comunità internazionale, nel weekend Trump ha rincarato la dose, parlando di possibili dazi anche sull'import di auto non statunitensi.

La notizia non è stata accolta bene dal mercato, con il Dow Jones atteso in calo in apertura. Anche i dati macro rilasciati venerdì non hanno entusiasmato, con la crescita che ha mostrato segnali di rallentamento nel 4° trimestre (+1,7% da 2%). Le nuove misure di Trump potrebbero minacciare ulteriormente la crescita. Basti pensare che il 75% dei beni esportati dal Canada finisce negli Usa.

A questo punto, la Bank of Canada dovrebbe ripensare alla sua politica monetaria restrittiva, avviata lo scorso anno e che ha visto già 3 rialzi dei tassi d'interesse (ora all'1,25%).

Il cambio USD/CAD sta ora mettendo pressione all'area di 1,2930, massimi allineati degli ultimi 4 mesi e secondo dei ritracciamenti di Fibonacci nella discesa dai picchi di maggio scorso. Il superamento di tale riferimento potrebbe spalancare le porte a 1,38 (picchi del 2017), dove sta convergendo la trendline che unisce i minimi di maggio 2015, aprile 2016 e febbraio 2017. Conferme arriverebbero sopra 1,31. Il supporto più interessante è a 1,2750, al di sotto del quale si assisterebbe a una sensibile perdita di spinta.

USDCAD-Settimanale

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.