Turchia ancora sotto pressione

La divisa turca torna a deprezzarsi stamane, nonostante la notizia dell'incontro a Washington di giovedì tra la delegazione statunitense e quella turca.

bg_turkey_notes_1370851
Fonte: Bloomberg

Rimane sotto pressione le lira turca stamane dopo il violento calo di lunedì (il peggiore tra l'altro da oltre 10 anni) e il tentativo di stabilizzazione di ieri. Gli operatori non sembrano apprezzare più di tanto la notizia trapelata ieri pomeriggio di un incontro tra la delegazione turca e quella statunitense probabilmente domani a Washington.

Il mercato rimane guardingo al riguardo dopo l'escalation delle tensioni tra i due Paesi in seguito alla detenzione del pastore americano accusato di aver organizzato il golpe contro il premier Erdogan a luglio 2016. Da qui le sanzioni degli Usa nei confronti di due ministri turchi, con la possibilità di un'estensione anche all'export.

In realtà, le pressioni che stanno interessando la Turchia affondano le radici anche nella sempre più discussa indipendenza della Banca centrale. Erdogan, durante la campagna elettorale, si è schierato apertamente contro le decisioni della Banca centrale turca a favore di una politica monetaria con tassi più bassi, nonostante l'inflazione altissima.

Proprio le mani legate della Banca centrale stanno minando la fiducia degli investitori a tal punto che tutti gli asset turchi sono finiti sotto pressione negli ultimi 4 mesi. Ieri il rendimento sul decennale è arrivato a lambire quota 20%, mentre il mercato azionario segna un -25% di performance da inizio anno.

Secondo le ultime indiscrezioni, la situazione sarebbe così critica al punto che potrebbe intervenire a breve il FMI con delle linee di credito in dollari per le aziende turche.
Negli ultimi 20 anni il successo turco si è fondato sul deficit di partite correnti, che in una simile situazione rischia di portare il paese al baratro.

Il crollo della lira, le tensioni con gli Usa, la mancata indipendenza della Banca centrale e, infine, i continui rialzi dei tassi della Fed stanno creando le condizioni per un collasso del Paese. Non escludiamo pertanto che si arrivi a una limitazione della circolazione del capitale che eviti fughe all'estero o che la Banca centrale intervenga con un rialzo dei tassi prima della prossima riunione fissata per il 13 settembre. Potrebbe essere troppo tardi.
 

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.