Trump sta rapidamente perdendo il controllo della presidenza

Donald Trump si trova attualmente sotto una forte pressione politica interna.

Trump

Finora non è stato in grado di mettere in atto nessuna delle riforme promesse in fase di campagna elettorale come il finanziamento e la costruzione di un muro al confine con il Messico, il divieto di ingresso ai visitatori musulmani o la dismissione della riforma sanitaria “Obamacare”. Quest’ultima in particolare si è rivelata essere una spina nel fianco per Trump, dal momento che i repubblicani hanno tentato invano per 7 anni di sospenderla o abrogarla. Tuttavia, nonostante un congresso largamente controllato da repubblicani, persino un presidente repubblicano come Trump non è stato in grado di abrogare e rimpiazzare questa riforma: si tratta di un chiaro segnale della perdita di consenso da parte del proprio partito.

Il repubblicano Bob Corker critica Trump

Come se non bastasse, i tweet e le conferenze stampa di Trump continuano, quasi giornalmente, a indignare un numero crescente di persone, non solo all'estero, ma soprattutto negli Stati Uniti. I democratici hanno ribadito questa settimana la volontà di rimuovere Trump, appellandosi al 25o emendamento, un articolo della Costituzione statunitense che stabilisce che un presidente può essere rimosso dal potere se dovesse dimostrarsi non idoneo a svolgere le proprie funzioni. I repubblicani tendono a non considerare questi propositi realmente preoccupanti, dal momento che provengono dagli oppositori politici. Tuttavia, il senatore repubblicano Bob Corker, in precedenza indicato come potenziale vicepresidente dell'amministrazione di Trump, ha smentito questa visione con i suoi commenti di ieri. Corker è ora apertamente contrario al presidente, ritenendolo "non ancora capace di dimostrare stabilità, né alcuna delle competenze di cui ha bisogno per il successo politico".

Qualsiasi persona con una visione obiettiva dei fatti sarebbe probabilmente d'accordo con quanto sostenuto da Corker. Basti solo considerare alcuni eventi delle passate settimane: l'apparente riluttanza di Trump a distanziarsi dai movimenti neonazisti responsabili dell'attacco terroristico di Charlottesville in Virginia, i commenti inappropriati sull'attacco terroristico di Barcellona o, ancora, le dichiarazioni improvvisate che per poco non hanno scatenato una guerra con la Corea del Nord.

I mercati finanziari in agitazione

Trump intralcia il proprio programma presidenziale e cresce il numero dei leader politici ed economici che prendono le distanze da lui. Ciò rende improbabile che Trump possa implementare una riforma fiscale e infrastrutturale degna di nota, cosa che potrebbe frenare l’impennata dei mercati azionari iniziata all’indomani della sua elezione e fondate sull’aspettativa delle riforme promesse. Venti di tempesta si profilano all’orizzonte per Wall Street: il Dow Jones è attualmente a 21.800 punti.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.