S&P500, volumi ai massimi e volatilità impressionante

Ancora tonfo a Wall Street, con gli indici azionari che hanno terminato per l’ennesima volta in calo, con volumi impressionanti.

bg_wall_street_491876
Fonte: Bloomberg

Sul comparto azionario sono passati di mano quasi 12 miliardi di titoli, livelli che non si vedevano dal 2012. La fuoriuscita del denaro dal comparto equity è stata per lo più dirottata sui Treasury, in forte recupero ieri. A confermalo sono stati anche in questo caso i volumi, con 945 miliardi di dollari di controvalore sulle varie scadenze della curva dei tassi Usa (record storico). L'attività è stata sostenuta anche sul mercato delle opzioni, con oltre 33 milioni di contratti aperti, nuovo record da agosto 2011.

La volatilità rimane altissima. La variazione in punti dell’S&P500 ieri è stata la più alta dall’8 agosto 2011 (downgrade degli Usa da parte di S&P's).

La cautela è d'obbligo, dunque. Con molta probabilità le vendite non sono terminate qui.

Dal punto di vista tecnico, il principale indice azionario del mondo, l'S&P500, è sceso sino a 1.819 punti ieri salvo poi chiudere in area 1.860 punti. Temporanei rimbalzi vedono la prima resistenza a 1.900 punti, dove passa la media mobile a 200 giorni. Presto però le vendite potrebbero tornare a prevalere.

Il supporto interessante rimane sui minimi di aprile a 1.810 - 1.800 punti, dove passa ora anche la trend line rialzista che congiunge i minimi del 2011 con quelli di novembre 2012. Il cedimento di questo livello aprirebbe a un'estensione della flessione in direzione dei minimi annuali, a 1.735 punti.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.