Gbp/Aud in recupero dopo dati cinesi, ma attenzione all'Inflation Report

Prosegue il recupero del dollaro australiano verso le principali valute dopo i brillanti dati rilasciati in Cina questa notte. 

Il surplus della bilancia commerciale ha raggiunto quasi 32 miliardi di dollari a gennaio, complice un forte miglioramento dell’export. Bene anche la dinamica dell’import salito circa del 10%. I dati cinesi hanno messo le ali all’aussie, visto il forte legame commerciale che esiste tra i due Paesi, e hanno più che compensato il deludente indice Westpac sulla fiducia dei consumatori di febbraio (-3%).

In mattinata tutte le attenzioni saranno rivolte all’Inflation Report della Bank of England (BoE), che darà la propria view sulle aspettative inflattive dei prossimi mesi. Con il miglioramento dell’economia, l’inflazione diventa un dato cruciale. Se solo dovessero esserci segnali di accelerazione dei prezzi al consumo, la BoE non esiterà ad avviare una politica monetaria restrittiva.

Attenzioni verranno riservate pertanto alla sterlina. Il cambio Gbp/Aud rimane l’osservato speciale. La discesa avviata nelle ultime tre settimane deve considerarsi ancora fisiologica visto il rally partito sui minimi di un anno fa. Una rottura del supporto collocato a 1,80 aprirebbe a una discesa verso 1,75-1,74, precedente resistenze estive e secondo dei ritracciamenti nell’ascesa dell’ultimo anno. Una tenuta di questo livello sarà strategica per rilanciare le prospettive rialziste di medio lungo periodo. Per ora le prospettive rialziste di brevissimo termine diventerebbero più chiare con il superamento di area 1,85, che proietterebbe il cambio verso i massimi da inizio anno a 1,92, dove passa il secondo dei ritracciamenti di Fibonacci nella discesa dai picchi di ottobre 2008. L’eventuale rottura di questa resistenza aprirebbe a una nuova ondata di rialzi che vedono come primo target 2,02, bottom del 2008, e poi 2,10, top di luglio 2009.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.