Euro, un crollo senza fine

Non si arrestano le vendite sulla moneta unica, che questa mattina ha rivisto i minimi di periodo verso le principali valute mondiali.

Eur Jpy Yen
Fonte: Bloomberg

La conferenza stampa di Mario Draghi e la prosecuzione degli acquisti sul mercato governativo da parte della Bce potrebbero essere le cause che spiegano questa nuova ondata di vendite sull'euro.


Questa mattina la moneta unica ha aggiornato i nuovi minimi verso le principali valute mondiali. Il cambio EurUsd si è posizionato verso 1,06 basso, mentre quello EurGbp è arrivato sino a 0,70.

Anche il cambio EurJpy sta tentando l'allungo della discesa sotto area 130. Su questo cross le possibilità di discesa dell'euro potrebbero essere stemperate da due fattori:
1. conduzione di una politica monetaria ultra-accomodante della Bank of Japan;
2. dalla fase di risk on presente sui mercati che dovrebbe tenere lo yen particolarmente debole.

Dal punto di vista tecnico, il primo livello di supporto rimane collocato a 128, secondo dei ritracciamenti di Fibonacci nell'ascesa partita durante l'estate del 2012 e culminata a dicembre 2014. Un eventuale cedimento di questo livello potrebbe aprire a un'estensione della flessione verso 125 e poi a 122 (50% del ritracciamento sopra descritto). Il livello di resistenza rimane collocato a 130 (livello psicologico) e poi a 134 (minimi assoluti del 2014).

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.